Come fare l’autolettura del contatore gas

Come fare l’autolettura del contatore gas

Nel precedente articolo abbiamo visto l’importanza dell’autolettura dei contatori gas e luce per il cliente finale (l’articolo è visionabile qui: L’importanza dell’autolettura: consumi stimati e consumi reali).

 

Ma come si fa l’autolettura? Di seguito vi spieghiamo come leggere correttamente il contatore del gas.

Il primo controllo da effettuare riguarda la tipologia di contatore presente nella vostra abitazione in quanto attualmente esistono due tipologie di contatore.

 

Contatori del gas vecchio modello

Il contatore del gas vecchio modello è ancora il più diffuso, nonostante sia in atto un processo di sostituzione graduale.

La caratteristica principale che lo contraddistingue è la presenza dei rulli per il conteggio dei numeri.

Le informazioni da comunicare per l’autolettura sono le cifre, senza gli zeri iniziali, a sinistra della virgola. Le cifre in rosso indicano frazioni di metro cubo e non sono obbligatorie per il rilevamento.

 

 Contatore gas nuovo modello elettronico

 Il nuovo modello di contatore gas elettronico ha sostituito i rulli numerici con un display interattivo.

Una volta acceso il display tramite la pressione del tasto verde o pulsante accanto al visore, è necessario premere nuovamente quest’ultimo fino a quando comparirà il consumo effettivo espresso in metri cubi.

Anche in questo caso bisogna porre attenzione solo ai numeri prima della virgola senza i decimali e comunicarli al fornitore.

 

Vi ricordiamo che potete consultare le modalità di invio dell’autolettura previste da GeoNordest a questo link: L’importanza dell’autolettura: consumi stimati e consumi reali.