“Spesa per oneri di sistema”: cos’è questa voce nella vostra bolletta?

“Spesa per oneri di sistema”: cos’è questa voce nella vostra bolletta?

A partire dal 2013 l’Autorità per l’energia ed il gas ha deciso di avviare un processo di semplificazione della bolletta degli italiani che ha portato all’uscita a gennaio 2016 della bolletta 2.0.
Lo scopo di questa nuova tipologia di bolletta è quello di semplificarne appunto la lettura, esplicitando le voci principali che la compongono in modo da renderla più comprensibile e interpretabile.

Nella sezione Guida alla lettura della bolletta del nostro sito è possibile avere tutte le informazioni utili per leggere le fatture relative all’offerta; oltre alla spiegazione delle varie sezioni, la Guida è corredata anche da un Dizionario dei termini utilizzati consultabile per qualsiasi dubbio.

Tra le varie voci che compongono la bolletta della luce però ne compare una in particolare che merita un approfondimento: la spesa per oneri di sistema.

 

Di cosa si tratta?

Negli ultimi anni, gli oneri generali di sistema hanno rappresentato una quota crescente e sempre più significativa della spesa totale annua di energia elettrica degli utenti finali. Il fornitore (come in questo caso Geo Nord-Est) applica al cliente questa spesa in base alle indicazioni dell’Autorità (che ne stabilisce periodicamente il valore) ma non può modificarne il prezzo. Si tratta a tutti gli effetti di un’ulteriore “tassa” da pagare oltre alle imposte, accise e IVA.

Gli oneri di sistema sono addebitati a tutti i clienti, sia domestici che altri usi, che abbiano la residenza o meno nell’abitazione e sono un insieme di voci diverse, anche se nella bolletta vengono raggruppate in un unico importo.

 

Le componenti nello specifico

Le componenti della spesa per oneri di sistema dell’energia elettrica sono:

  • A2 a copertura degli oneri per il decommissioning nucleare
  • A3 a copertura degli incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate
  • A4 a copertura delle agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario
  • A5 a sostegno alla ricerca di sistema
  • As a copertura degli oneri per il bonus elettrico
  • Ae a copertura delle agevolazioni alle industrie manifatturiere ad alto consumo di energia
  • UC4 a copertura delle compensazioni per le imprese elettriche minori
  • UC7 per la promozione dell’efficienza energetica negli usi finali

Per contestualizzare meglio queste componenti vi riportiamo sotto un estratto semplificato dal sito dell Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico:

Componente A2 (oneri nucleari) La A2 è destinata alla copertura dei costi per lo smantellamento delle centrali nucleari dismesse (Latina, Caorso, Trino Vercellese, Garigliano).

Componente A3 (fonti rinnovabili e assimilate) – E’ la  più consistente fra gli oneri di sistema e finanzia sia l’incentivazione del fotovoltaico (gli incentivi che lo Stato offre a chi investe in questo sistema) sia il sistema che incoraggia le fonti rinnovabili e assimilate (impianti alimentati da combustibili fossili e da combustibili di processo quali scarti di raffineria etc.).

Componente A4 (regimi tariffari speciali) – La componente A4 è nata per coprire le agevolazioni per la fornitura di energia elettrica ad alcune aziende con alti consumi, individuate per legge. Nel tempo le agevolazioni sono state eliminate e, ad oggi, riguardano solo Rete Ferroviaria Italiana che paga un corrispettivo ridotto per l’energia elettrica (“senza limiti temporali”) e non deve pagare gli oneri ad eccezione della MCT.

Componente A5 (ricerca di sistema) – La A5 finanzia la ricerca svolta nell’interesse del sistema elettrico nazionale.

Componente As (bonus elettrico) – La componente As è destinata alla copertura del bonus elettrico per i clienti domestici in stato di disagio fisico o economico (Vedi articolo Bonus sociale per elettricità e gas: cos’è e come richiederlo).

Componente Ae – E’ destinata a finanziare le agevolazioni  alle imprese manifatturiere con elevati consumi di energia elettrica. L’agevolazione corrisponde a una  riduzione tra il 15% ed il 60% sulle componenti A degli oneri di sistema (A2, A3, A4, A5 e AS) alle imprese che consumano almeno 2,4 GWh l’anno e hanno un costo dell’energia elettrica utilizzata pari ad almeno il 2% del fatturato.

Componente UC4 (imprese elettriche minori) – La UC4 serve per coprire i maggiori costi di 12 piccole aziende elettriche che operano  sulle isole minori. Nel 2009, i benefici sono stati estesi anche alle aziende elettriche distributrici con meno di 5.000 clienti.

Componente UC7 ( efficienza energetica) – La componente UC7 è destinata alla copertura degli oneri derivanti da misure ed interventi per la promozione dell’efficienza energetica negli usi finali.

 

Conclusioni

In sintesi, mentre le voci di spesa “Materia Energia” e “Trasporto e Gestione del Contatore” si riferiscono a costi sostenuti necessariamente per consentire l’erogazione del servizio, la voce Oneri di Sistema ingloba al suo interno una serie di costi di natura diversa, più simili a imposte vere e proprie in quanto destinati ad attività che non sono collegate direttamente al servizio fornito al cliente ma rivolte piuttosto all’interesse generale della collettività.

Questa voce di spesa non può essere eliminata, ridotta o aumentata da parte del fornitore del servizio in quanto imposta direttamente dall’Autorità per il finanziamento delle attività sopra descritte.