Le 3 leggende da sfatare sul consumo energetico

Tante leggende metropolitane si sono sviluppate a partire dai consumi energetici. Soprattutto per quanto riguarda l’energia elettrica e gas, molti spregiudicati fornitori ti avranno certamente contatto (tramite chiamata o attraverso mail) per cercare di adescarti e spingerti a firmare un contratto di fornitura con loro. Ma vediamo insieme quali sono le 3 più grandi leggende che ancora continuano a essere tenute in vita da questi fornitori furbetti.

Leggenda n. 1 “Se cambia subito risparmierà sulla prossima bolletta”

 La prima grande leggenda è proprio questa, ed è la formula più utilizzata per cercare di accalappiare nuovi potenziali clienti con la promessa di poter pagare meno sulla prossima bolletta. Per ridurre i tuoi consumi energetici, questi fornitori di luce & gas cercano il modo di attirarti. Ma non sempre ciò che dicono coincide con la realtà dei fatti.

Il più delle volte, infatti, il cliente non ha ben chiaro i propri consumi. Ecco perché è sempre importante sapere leggere e verificare tutte le voci presenti sulla propria bolletta. Ma come fare? Puoi basarti sulla nostra guida, in cui passo passo ti spieghiamo ogni sezione della bolletta.

In ogni caso sappi che nessun operatore può conoscere i tuoi reali consumi, oppure le tariffe del tuo contratto. Per metterli in scacco, la mossa migliore da adottare è la schiettezza. Chiedigli come sono venuti a conoscenza dei tuoi consumi. Riconoscerai i truffatori perché, trovandosi in difficoltà, ti chiederanno di leggere insieme la tua bolletta.

E a quel punto rifiuta, perché se sapessero alcuni dati potrebbero anche richiedere (senza il tuo consenso) uno “switch” di fornitura.

Leggenda n. 2 “Il suo fornitore usa i nostri impianti, per questo le fa pagare un sovrapprezzo”

 Questa leggenda trae origine da una credenza diffusa, che si è espansa a causa della conoscenza parziale dell’utente della distribuzione energetica in Italia. Come funziona nel concreto? In pratica ci sono tre soggetti coinvolti: i primi sono i produttori, ovvero coloro che producono l’energia. I secondi sono invece i distributori, che hanno come obiettivo quello di occuparsi delle infrastrutture che portano l’energia direttamente a casa. Gli ultimi, ma non meno importanti, sono proprio i fornitori, che invece vendono i servizi di luce e gas.

La verità è che in Italia il distributore è separato rispetto al fornitore, e questa divisione serve proprio a evitare che ci siano dei possibili sovraprezzi legati alle infrastrutture su cui si appoggiano le società di distribuzione luce & gas, anche perché i costi legati a questa attività sono stabiliti dall’ARERA.

Leggenda n. 3 “Salve, chiamo per conto del Centro Controllo Tariffe”

 La fantasia non conosce limite, in particolare per tutti quegli operatori che con immensa immaginazione inventano nomi come “Centro Controllo Tariffe” oppure “Autorità di Controllo di Luce e Gas” per cercare di ottenere delle informazioni circa la tua bolletta.

L’unica autorità riconosciuta che regolamenta il mercato dell’energia è solo l’ARERA, tutti gli altri enti o centri sono delle semplici invenzioni, utilizzate dagli agenti di vendita. Questi ultimi ricordiamo essere pagati per cercare in mille modi di acquisire nuovi clienti.

Nel caso dovessi avere altre perplessità o volessi approfondire alcuni aspetti della tua fornitura di luce & gas puoi contattare il nostro semplificatore: un consulente energetico che chiarirà ogni tuo dubbio.